LA STORIA CONTINUA

 

La storia del Necci è la storia del Pigneto. Una storia cominciata negli anni 20 quando i braccianti dallItalia centromeridionale piùarretrata arrivarono nella capitale. Tra quei braccianti cera un giovane ciociaro chiamato Enrico Necci che ebbe lidea di aprire un bar dove prima cera un piccolo convento. Una storia continuata col Fascismo che ribattezzò”il Necci come Bar Imperoe che pochi anni dopo condusse il paese alla guerra. Un conflitto mondiale che nel 1944 portòsui cieli del Pigneto il vento implacabile della storia sotto forma di bombe americane. Quelle bombe che uccisero proprio Enrico Necci davanti al suo bar. Proprio lì, dove oggi sgorga lacqua da un nasone. E infine lAnno Zero del pigneto: Il 1960. Pier Paolo Pasolini gira Accattonein via Fanfulla da Lodi e mostra al mondo intero il volto della borgata romana. Ancora oggi lanima di Pasolini sembra ancora aleggiare tra le vecchie baracche e i nuovi immobili del quartiere. E proprio la street art, arte degeneree corsara, ha popolato il quartiere e la suastrada di opere dedicate a questa grande figura del novecento italiano.